image-567
image-777

accedi all'area riservata

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

lacuradeltempo.chieti@gmail.com

la rivista del benessere

articolo del giorno

L’intestino – Il Secondo Cervello

2021-04-09 19:12

Dott.ssa Sofia Prosia

Psicologia, chieti, psicologia, lacuradeltempo,intestino, cervello,

L’intestino – Il Secondo Cervello

Articolo a cura della Dott.ssa Sofia Prosia, Laureata in Psicologia Cognitiva

A tutti sarà capitato almeno una volta nella vita di accusare disturbi gastrointestinali a seguito di periodi o eventi stressanti, questo avviene perché tra intestino e cervello esiste una stretta correlazione.  Nell’intestino infatti si trova una rete nervosa di oltre cento milioni di neuroni, che gestiscono l’attività intestinale e si collegano direttamente al cervello. Questo sistema è in grado di regolare le funzioni intestinali in modo autonomo dal Sistema Nervoso Centrale ed è chiamato Sistema Enterico.

Analizziamo più nel dettaglio che cosa avviene nell’intestino durante un momento di forte stress, per fare questo dobbiamo tener presente che il 95%  di tutta la serotonina del nostro organismo è prodotta dall’intestino. Ma cos’è la serotonina? E’ un neurotrasmettitore che oltre ad avere un ruolo sull’umore, sui ritmi sonno-veglia e sulla memoria ha importanti funzioni anche a livello gastrointestinale, giocando ruoli importanti nell’infiammazione intestinale.  Dentro l’intestino c’è un microbiota residente che è in grado di modulare diversi processi fisiologici propri dell’apparato gastroenterico quali la motilità, la secrezione di fluidi, l’assorbimento di nutrienti ed il flusso ematico.Questa molteplicità di azioni è resa possibile proprio dall’interazione tra la popolazione microbica residente e il sistema nervoso enterico  e passa attraverso il rilascio di serotonina. In sintesi si può dire che il cervello influenza il sistema nervoso enterico attraverso nervi simpatici e parasimpatici ma l’intestino e il suo contenuto microbiotico influenzano anche il cervello.

articolosofia-1617984648.jpg

Una delle patologie psicosomatiche intestinali più frequenti è il Colon Irritabile, spesso le persone che ne sono affette tendono a pensare che sia causata solo da problematiche organiche e non psicologiche, per questo quasi mai si rivolgono ad uno psicoterapeuta

Tra le cause psicologiche abbiamo:

 

-il perfezionismo o meglio il conflitto tra aspirazioni e standard severi che rende le persone costantemente preoccupate di non essere all’altezza;

- la difficoltà a esprimere in modo diretto, esplicito e verbale il proprio disagio psicologico che si rende manifesto attraverso sintomi fisici;

- la tendenza ad auto-colpevolizzarsi ,cioè la tendenza ad assumersi la responsabilità di qualsiasi evento negativo;

- il Self- silencing scheme cioè uno schema di comportamento caratterizzato dalla tendenza ad “autozittirsi” assecondando le esigenze altrui, negando e svalutando i propri pensieri.

 

Da quanto detto emerge che il corpo ha una sua componente mentale e  emotiva e la mente ha una componente corporea. In situazioni armoniche un corpo sano porta effetti benefici alla psiche e una mente equilibrata produce effetti benefici sul corpo. Il compito dell’intervento terapeutico è quello di favorire il ripristino di una comunicazione armonica tra mente e corpo. Già il filosofo Feuerbach asseriva: “l’uomo è ciò che mangia”, per descrivere appunto questa unione indissolubile tra mente e corpo. L’uomo si nutre si di sostanze nutritive materiali che di sostanze nutritive energetiche. Ci sono cibi che ammalano e cibi che guariscono , emozioni che ammalano e emozioni che guariscono, si parla spesso infatti di “intossicazione  emozionale”.

Possiamo concludere a questo proposito con una citazione di Carl Gustav Jung: “La distinzione tra anima e corpo è un'operazione artificiale, una discriminazione che indubbiamente si basa non tanto sulla natura delle cose, quanto su un elemento peculiare dell'attività conoscitiva dell'intelletto umano”.

 

Per approfondimenti:

 Borrelli Osvaldo “ Il secondo cervello e le sue connessioni con il sistema nervoso centrale”

 

Dott.ssa Sofia Prosia,

Laureata in Psicologia Cognitiva

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder