image-567
image-777

accedi all'area riservata

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

lacuradeltempo.chieti@gmail.com

la rivista del benessere

articolo del giorno

3 tipologie di disabilità – E’ solo negli occhi di chi guarda

2020-08-24 13:33

Dott.ssa Gelsomina Ferrari

Psicologia,

3 tipologie di disabilità – E’ solo negli occhi di chi guarda

Articolo a cura della Dott.ssa Gelsomina Ferrari, Laureata in Psicologia Cognitiva e della Dot.ssa Lisa Maccarone, Laureata in Psicologia Clinica e della Salute

La disabilità è un tema ampio e complesso e sono frequenti gli equivoci. Con questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza.

 

55e9d2424350b10ff3d8992cc62a327d1c3ddae64e5074407d2d7dd0954fc5640-1598264238.jpg

L’ OMS (Organizzazione mondiale della sanità) ha pubblicato l’ICF ovvero la classificazione con la quale si distinguono tre tipi di disabilità:

1. Menomazione:

Per menomazione si intende una qualsiasi anomalia o perdita delle funzioni fisiologiche o anatomiche; si tratta quindi di un disturbo a livello di organo (ad esempio la mancanza di un braccio sia essa innata o in seguito ad amputazione, tra le menomazioni ritroviamo: le menomazioni oculari, viscerali, del linguaggio ecc).

 

2. Disabilità:

Per disabilità invece si intende la limitazione o la perdita della capacità di compiere normali attività. La disabilità è oggettiva e compromette le  attività quotidiane della persona (ad esempio tra le disabilità ritroviamo: Disabilità nel comportamento, nella comunicazione, nella cura della propria persona, locomotorie ecc)

 

3. Handicap:

Infine, con il termine handicap si intende una condizione di svantaggio che vive la persone a causa di una menomazione o di una disabilità (ad esempio tra gli handicap ritroviamo: handicap nella mobilità, nell’orientamento, occupazionali ecc).

 

Menomazione, disabilità ed handicap sono influenzati sia da fattori ambientali e personali.

Questa classificazione è ufficiale ed ha lo scopo di inclusione sociale ma l’etichetta in se viene solo utilizzata da chi non rientra nelle categorie suddette. Infatti i “diversamente abili” spesso non si sentono diversi dagli “abili” pertanto l’invito è quello di non fermarsi all’etichetta ma di guardare oltre, verso la persona.

 

Gelsomina Ferrari

Laureata in Psicologia Cognitiva

Lisa Maccarone

Laureata in Psicologia Clinica e della Salute

 

 

Per approfondimenti:

https://www.aisw.it/?q=node/79

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder