image-567
image-777

accedi all'area riservata

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

lacuradeltempo.chieti@gmail.com

la rivista del benessere

articolo del giorno

ANSIA SOCIALE – Quali sono i sintomi?

2022-08-11 19:29

Dott. Francesco Cataldo

Psicologia, psicologia, chieti, lacuradeltempo, francescocataldo, ansiasociale, sintomi ,

ANSIA SOCIALE – Quali sono i sintomi?

Articolo a cura del Dott. Francesco Cataldolaureato in Psicologia clinica e della salute

man-g1872bb4b2_1920.jpeg

<< Preoccuparsi di risultati sui quali non ho alcun controllo significa punire me stesso prima che l'universo abbia deciso se devo essere punito >>

-          Sherry Thomas

 

Le persone con disturbo d'ansia sociale (SAD), definito anche come fobia sociale, soffrono di un'intensa paura di essere umiliate in situazioni sociali, in particolare hanno paura di mettersi in imbarazzo di fronte ad altre persone. Si preoccupano di non essere all'altezza o di sbagliare quando parlano o interagiscono con gli altri.

Per questo motivo, se ne soffri, quando sei con gli altri potresti sentirti come se fossi sempre sul palco e il pubblico stesse solo aspettando che tu faccia dei pasticci. La paura dell'imbarazzo spesso ti impedisce di partecipare alle conversazioni, rendendo difficile il contatto con le persone e minando le tue relazioni. E, ovviamente, questi pensieri possono essere molto frustranti. Potresti sentirti il solo a sperimentare questi sentimenti, ma non lo sei. Infatti, si stima che il (12%) degli adulti negli Stati Uniti soffra di disturbo d'ansia sociale ad un certo punto della vita; e le donne avrebbero una probabilità leggermente maggiore rispetto agli uomini di sperimentarlo. Secondo la National Alliance on Mental Illness (NAMI), il disturbo d'ansia sociale può anche causare attacchi di panico. Ma conoscere i propri sintomi e cosa li scatena può rendere l'ansia sociale molto più facile da gestire.

 

Ma quali sono i sintomi psicologici e fisiologici dell’ansia sociale?

Essere in grado di identificare i sintomi può essere uno dei primi passi verso una migliore gestione del disturbo d'ansia sociale. Il punto cardine è che, come per altre patologie e disturbi, anche quest’ultimo, non si manifesta allo stesso modo per tutti. Inoltre, lo stress associato all'ansia può avere un impatto fisico sul corpo. Difatti, alcune persone che soffrono di (SAD) comunicano di provare dolore in punti come le spalle, la fronte o lo stomaco. Tuttavia, ti riporto alcuni segni e sintomi fisici e psicologici che ti possono permettere di riconoscere questo disturbo. Alcune manifestazioni fisiche del disturbo d'ansia sociale includono:

 

-          vertigini o svenimento

-          tensione muscolare

-          palpitazioni

-          iperventilazione o mancanza di respiro

-          nausea o vomito

-          sindrome dell'intestino irritabile (IBS)

-          sudorazione eccessiva

-          tremolio

 

Mentre, dal punto di vista psicologico potresti sperimentare sintomi in grado di influenzare il modo in cui pensi e senti come:

 

-          sentimenti di terrore prima del lavoro, della scuola o di eventi sociali

-          paura, stress o panico nei contesti sociali

-          “nebbia mentale” durante le conversazioni

-          pensieri invadenti sulle situazioni sociali ma anche durante

-          sentimenti di solitudine o isolamento sociale

-          stanchezza dopo aver socializzato

-          esitazione a parlare, per paura di offendere gli altri o di essere giudicato

-          difficoltà nel contatto visivo

-          bassa autostima

 

In conclusione, se soffri di questa condizione e i segni e sintomi ti impediscono di vivere al meglio la quotidianità della tua vita - ad esempio, potresti sentire che l'ansia sociale ti impedisce di fare un passo importante per la tua carriera o di stringere amicizie significative - potrebbe essere necessario cercare aiuto. Un terapeuta o un altro professionista della salute mentale può essere una fonte chiave di supporto per aiutarti a gestire il disturbo nel migliore dei modi e lavorare sulla percezione di Sé stesso.

 

 

BIBLIOGRAFIA:

-          Hauser G, et al. (2014). Cognitive behavioral approach to understanding irritable bowel syndrome.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4051915/

-          Duval ER, et al. (2015). Neural circuits in anxiety and stress disorders: a focused review.
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4315464/

 

 

Articolo a cura del Dott. Francesco Cataldo

Laureato in Psicologia clinica e della salute

francescocataldopsy@gmail.com

Come creare un sito web con Flazio